Tag: Libri

Lost between / Tra una vita e l’altra

Italia e Irlanda: due Paesi adorati e spesso abbandonati, nel passato come nel presente. E quindici autori, italiani e irlandesi, che raccontano il senso di estraniamento, la sensazione di non appartenenza che viene da un vissuto comune di distacco e migrazioni incrociate. Un’antologia che riunisce molte personalità diverse, in cui sono raccolte storie liriche o dure, storie che fanno sorridere e riflettere, storie d’amore e storie in cui la mancanza d’amore anestetizza, rendendo simili ad automi: dal mistero di un bambino cinese scappato da scuola nella Roma di oggi, ai travagli degli emigranti irlandesi nell’Ottocento, in fuga verso un Nuovo Mondo totalmente sconosciuto, dalle avventure di una cameriera italiana a Hong Kong, al difficile rapporto tra una ragazza inglese e un ragazzo irlandese a Dublino negli anni Settanta. Introdotti dalla voce speciale di Catherine Dunne, i testi di questa antologia forniscono spunti preziosi e originali per riflettere su un tema di grande attualità, sul filo sempre teso di una domanda: chi siamo veramente?
tra una vita

Le lacrime di Borromini

Borromini soffre di risentimento nei confronti d’un Bernini preferito da Innocenzo X, quel broncio e quell’acume gli faranno scoprire, dietro all’incarico del pontefice di restaurare la Basilica di San Giovanni, il mistero che vi si cela. Parallelamente, in una Roma contemporanea un altrettanto imbronciato e schivo commissario indaga sulla morte di un anonimo professore di latino e greco in pensione… il mistero arriva tra le spire di un Vaticano reticente e un intreccio di servizi segreti che vogliono mettere la mano su documenti che cambierebbero i destini di paesi sullo scacchiere del mondo.

Acquista il libro:  IBS    Amazon

Il cameriere di Borges

Chi è Evaristo Torriani? Perché il suo nome sembra rimbalzare per decenni tra Europa e Sudamerica nei contesti più diversi? Amico di Che Guevara, agente dei servizi segreti, ma anche cameriere personale del grande scrittore Jorge Luis Borges: è possibile che proprio quest’uomo, ormai anziano e con un altro nome, sia il vicino di casa del commissario Flavio Bertone? Fatto sta che è sparito e, poco dopo, sparisce anche la misteriosa busta che il vecchio aveva chiesto al commissario di custodire. Quando poi, viaggiando da Roma a Buenos Aires, Bertone scopre che i servizi segreti stanno ancora cercando Torriani, tutto si complica, perché in quella busta potrebbe esserci un documento molto compromettente: i nomi dei veri genitori degli orfani del regime di Videla. E se invece ci fosse un inedito di Borges?

Gruppo Perdisa editore – Scheda del libro

La maggior parte delle voci su di me sono false, create da me o dai miei amici della Cia al solo scopo di non farmi trovare. Sarò stato anche un ladro, ma non come dicono i rapporti dei servizi segreti. Sono estraneo ai colpi colossali che mi vengono attribuiti. Però sono stato amico di Che Guevara e di Salvador Allende. Ed è anche vero che per due anni sono stato cameriere di Borges

Recensione di Left

Il-cameriere-di-Borges-Left-2-marzo
 

La envidia de Velázquez

Versione spagnola del romanzo “L’invidia di Velázquez
En 1956 Aarón Schilton, un anticuario de origen judío afincado en Sevilla, le revela a su amigo Pablo Picasso que ha descubierto en Las meninas de Velázquez el mapa de un tesoro. Y todas las pistas parecen conducir a la cripta de la catedral de Sevilla. Medio siglo después, el comisario Flavio Bertone investiga en Roma el asesinato de un profesor universitario con apariencia de crimen pasional, e intuye que el caso puede estar relacionado con sus investigaciones sobre Las meninas de Velázquez. Para resolverlo tendrá que viajar hasta Sevilla y reproducir el mismo itinerario secreto que hizo Picasso cincuenta años antes. Pronto se evidenciará que hay alguien más que conoce la existencia del tesoro, y a quien no le importa matar para preservar el secreto¿

L’invidia di Velázquez

Il commissario capo dell’Esquilino Flavio Bertone indaga sull’omicidio di un professore di Estetica. Gli indizi portano a far credere che l’assassino sia l’attore Diego Ribonskij, amante del professore. Ma il commissario non è affatto convinto della colpevolezza di Ribonskij e sfidando le ire del questore e del magistrato, inizia una sua personalissima indagine che lo porterà a vagare per la Spagna alle prese con un mistero più grande di lui e che affonda le radici nell’interpretazione del famoso quadro di Velázquez Las Meninas.
Un giallo nel quale sono coinvolti Velázquez, Picasso, Foucault e un’affascinante professoressa di storia dell’arte di Madrid.

Scheda del libro
Versione spagnola: La envidia de Velázquez

Dal CORRIERE della SERA – 27 novembre 2008


STORIE UN VELÁZQUEZ IMMAGINARIO

Parodia d’arte e delitti intorno a “Las Meninas”

“Las Meninas”, capolavoro dell’arte e rompicapo della critica dipinto da Velázquez nel 1656, nasconde la mappa d’un tesoro? A ipotizzarlo, in obbedienza a una bizzarra trama romanzesca, sono i personaggi di questo divertimento in giallo. L’autore, imprestato alla letteratura dal teatro e dal cinema (lo si vedrà presto in tv protagonista d’una fiction), precisa di essersi preso “un gran numero di libertà” riscrivendo un capitolo della storia dell’arte. I fatti? Un professore di estetica, tale Natoli, viene assassinato nel suo appartamento a due passi dal civico 219 di via Merulana, quello descritto nel Pasticciaccio gaddiano. Pura coincidenza? Difficile crederlo. Accorre il commissario Bertone, idealista e cornuto. C’è chi, fra le alte sfere, vorrebbe liquidare l’omicidio Natoli come una “brutta storia de ricchione!”. Il colpevole sarebbe (ma è troppo facile) Diego Ribonskij, legato sentimentalmente all’ucciso. Muore anche lui, però. Bertone sfida allora i suoi superiori. Incoraggiato dai fumi d’un vinello bianco e beverino lascia la pista passionale e affronta quella accademica. Scopre così che Natoli studiava da anni, con passione morbosa, “Las Meninas”. Le sue teorie l’avevano condotto a conclusioni molto pericolose. C’è di mezzo una cripta, nel sottosuolo di Siviglia. Così in Spagna, nel mentre scopre trame occulte, Bertone incontrerà la felicità e i fianchi d’una quarantenne da capogiro. Si tratta d’un gioco più che d’un romanzo. L’autore vi si esibisce in una maliziosa parodia di vari generi letterari, dal saggio al racconto poliziesco.

Antonio Debenedetti

© 2019 Fabio Bussotti

Theme by Anders NorenUp ↑